Contro la direttiva UE sul Diritto d'Autore nel Mercato Unico Digitale

di Yanis Varoufakis
 
Cari concittadini europei,
vi parlo dal luogo di nascita della democrazia su uno dei temi più importanti del nostro tempo: un campo di battaglia chiave per la difesa delle nostre democrazie moderne. Qualche settimana fa il Parlamento europeo ha votato una nuova normativa che mette in pericolo la libertà online di tutti noi: la Direttiva sul Diritto d’Autore nel Mercato Unico Digitale.
Questa nuova “direttiva”, come viene chiamata questo tipo di normativa comunitaria, non è all’altezza della modernizzazione necessaria richiesta dai nostri obsoleti diritti di proprietà intellettuale. L’obiettivo di ogni normativa significativa in materia di diritto d’autore dovrebbe essere quello di raggiungere un giusto equilibrio tra i diritti dei creatori e degli editori o dei produttori, da una parte, e i diritti degli utenti, dall’altra parte. Abbiamo assistito a un incredibile incremento della creatività umana attraverso la libertà e l’ispirazione offerte dall’interconnettività di Internet: molte più persone sono in grado di pubblicare libri, creare musica ed esplorare i propri istinti creativi come mai prima d’ora.
La nuova legge sul diritto d’autore rende ogni singola piattaforma online più vecchia di 3 anni direttamente responsabile per ogni violazione del diritto d’autore che un utente commette. L’analogia per il mondo non in rete sarebbe un’ipotesi nella quale una compagnia autostradale fosse direttamente responsabile per ogni violazione del limite di velocità da parte dei conducenti.  L’unico modo per una piattaforma online di affrontare questo rischio di essere ritenuto responsabile della violazione è quello di filtrare ogni testo, ogni immagine e ogni video prima che venga caricato. Questo filtro di caricamento è una tecnologia che viene utilizzata nei regimi autoritari come la Cina. Il fatto che così tanti politici europei stanno cercando di rendere tali filtri di upload obbligatori per prevenire “violazioni del diritto d’autore” suona un campanello d’allarme. Stanno facendo rispettare ai cittadini, a nome dei grandi interessi presenti nel nostro continente, una forma di censura che non appartiene alla nostra democrazia.
Molti ci hanno messo in guardia contro questo rischio. Il relatore speciale delle Nazioni Unite per la libertà di espressione David Kaye ha messo in guardia il Parlamento europeo dal “rischio di commettere un errore e di mettere un bavaglio alla libertà di espressione” con questa legge. Si è unito a lui il fondatore del world wide web Tim Berners-Lee e uno degli inventori di Internet Vint Cerf. Tutti i tecnici vedono il pericolo di questa proposta, ma i nostri politici si rifiutano di lasciare che i nostri interessi interferiscano con gli interessi dei loro ricchi e potenti amici.
C’è ancora un’ultima possibilità di impedire l’adozione di questo pericoloso strumento di censura in Europa ed è per questo che ora sto parlando con voi. Il 15 aprile il Consiglio dell’Unione Europea deve accettare questa direttiva sul diritto d’autore. La Germania ha il voto chiave che da solo può impedire l’adozione di questa legge ì. Pertanto, vi chiedo, Signora Angela Merkel, di ascoltare la gente e chiedere al vostro ministro dell’agricoltura di proteggere il nostro diritto fondamentale alla libertà di discorso (non è singolare che l’UE dipenda dal voto di un ministro dell’agricoltura per una questione così tecnica?).
Lo scatenamento della creatività online può essere una difficile libertà da gestire per noi individui politicamente attivi, come il Signor Böhmermann mi ha insegnato con il suo trucco del dito medio nel 2015, ma è importante. Grazie per quella lezione, Jan.
Signora Merkel, abbiamo avuto i nostri disaccordi, ma questa questione è troppo importante per essere decisa dagli interessi di partito o da quelli delle lobby. Per favore, signora Merkel, rispetta il tuo patto di coalizione e ferma l’adozione di questa pericolosa legge sulla censura.

Yanis Varoufakis, co-fondatore di DiEM25

 

(Traduzione a cura di Paul Bodenham)

Volete essere informati delle azioni di DiEM25? Registratevi qui!

L’Italia ha bisogno di un’alternativa politica radicale

Negli ultimi anni la politica italiana è polarizzata tra estreme destre populiste e tecnocrazia. Il primo gruppo va dai finti-outsiders senza ...

Leggi di più

Un paese di musichette mentre fuori c’è la morte

Il periodo che stiamo vivendo non è certamente dei più tranquilli, per usare un eufemismo. Crisi finanziarie, seguite da due anni di pandemia ...

Leggi di più

La Grecia e l’UE hanno lasciato morire più di 27.000 persone nel Mar Egeo

Un'indagine rileva un numero impressionante di casi in cui la Guardia Costiera greca e FRONTEX hanno ordinato ai migranti di trovare da soli il ...

Leggi di più

Movimenti politici diversi e un programma comune: Cambiamo radicalmente il mondo del lavoro

Lo scorso 21 giugno 2022, DiEM25 ha ospitato un evento a Milano, Italia, intitolato Lavoro Se...: Le nostre proposte per cambiare radicalmente ...

Leggi di più